Noi-Altri

Cittadinanza universale e diritto alla città

L’agibilità dei diritti fondamentali e la stessa nuova fase costituente del diritto, trovano il loro spazio naturale nelle relazioni tra cittadini, nella riconquista e nella reinvenzione dei beni pubblici, privati e comuni, nelle esperienze di autogoverno e di mutualismo, nella democrazia di base, diretta e partecipativa.

Oggi più che mai, l’eliminazione di barriere, confini e soglie di accesso che minano la nostra esistenza quotidiana e aggravano la nostra sofferenza, già vive e sopravvive nelle pratiche e nelle lotte che incarnano le aspirazioni più profonde e innovative della Carta Costituzionale e preparano, tra infinite difficoltà e resistenze, la cittadinanza del futuro.

La conquista del Diritto Universale alla Città, passa soprattutto attraverso la ricostruzione di un nuovo e più inclusivo patto sociale, capace di consentire l’emersione e l’affermazione di questa nuova civiltà, portatrice delle culture, dei saperi, delle esperienze e delle visioni necessarie ad un ripensamento radicale e dal basso del progetto sociale e culturale dell’Italia, come unica via d’uscita da questa crisi, che umilia e inquina i corpi, le menti, le relazioni, lo spazio vitale.

È necessario capire insieme come possa l’oltrecittà, che abita e reinventa dentro e fuori le mura le spoglie di un progetto fallimentare, divenire principale luogo di ricostruzione dell’Istituzione del Comune, a partire dal pieno rispetto, dal pieno riconoscimento e dal pieno sviluppo della persona umana, facendo di Roma un potenziale laboratorio organico di innovazione sociale, culturale ed economica.

È necessario capire insieme in che modo, attraverso quali azioni e quali passaggi fondamentali, le comunità territoriali, di pratica, di rete, possano divenire esse stesse promotrici e garanti di una reale riconquista dei diritti, degli spazi e dei tempi, senza la quale non potrà essere praticabile alcun diritto alla sicurezza e alla felicità, soprattutto per le cittadine e per i cittadini più deboli e meno garantiti.

È necessario capire insieme, a partire dalle nostre pratiche e dalle nostre competenze, come individuare sulla mappa materiale e immateriale della città, tutti i principali ostacoli che la rendono sempre più iniqua e inabitabile, individuando e analizzando quelle barriere fisiche, culturali e normative che ancora escludono per ragioni di etnia, credo, genere, disagio fisico, psichico o ceto sociale, i soggetti più fragili dal pieno diritto alla città, al suo progetto futuro.

Tutto questo per poter ridisegnare realmente dal basso una nuova e praticabile geografia a partire dal diritto alla qualità della vita, alla cultura, al lavoro, alla coesistenza, all’accesso agli spazi e ai servizi, al diritto all’abitare, all’accoglienza e alla mobilità pubblica, riconoscendo priorità alla salute di tutte e tutti rispetto ad energie e prodotti inquinanti – dalla progettazione, alla produzione, al consumo, allo smaltimento – all’uso pedonale e ciclabile dello spazio pubblico, al trasporto pubblico collettivo su ferro rispetto a quello privato su gomma.

Continuiamo a lavorare insieme ad una nuova idea di Città e di Cittadinanza, nella convinzione che l’unica risposta a tutti i nostri desideri e a tutti i nostri bisogni – il progetto che ci portiamo già dentro – non possa essere più delegata, ma debba necessariamente divenire, ora più che mai, una presa in carico collettiva, una nuova Istituzione.

Davide Franceschini

Carlo Antonicelli

Lorenzo Romito

Giorgio Antonangeli

Giulio Russo

Annunci

Un pensiero su “Noi-Altri

  1. Una città libera dalle barriere. Ma non solo quelle architettoniche ( che ahimé sono un disastro) ma anche quelle della mentalità comune che non vuole un disabile autonomo, della serie meglio chiuso a casa, Una città ( Roma è bellissima e difficile di suo) da vivere.
    possa godere appieno.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...